Comune di Falmenta

Comune di Falmenta

Nonostante la mancanza di documentazione medievale, qualche studioso vede nel toponimo una forma derivante dall’aggettivo latino FAMULENTA. Meno probabile sembra poi l’idea di qualcun altro, che individua in esso un incrocio tra flumen e fluenta. La sua storia, come quella dell’intera Valle Cannobina, è strettamente legata a quella di Cannobio, da cui per secoli dovette dipendere sia in campo politico che religioso. Negli anni 1402-1414 fu soggetta, quindi, alla tirannide dei fratelli Mazzarditi, i quali, approfittando delle discordie tra il doppio partito dei guelfi e ghibellini, di cui Cannobio era invasa, se ne impadronirono dando luogo anche alla costruzione di una torre. Seguì successivamente le sorti di Milano venendo sottomessa, pertanto, alla dominazione spagnola prima e a quella austriaca dopo. Nel 1743, con il trattato di Worms, si staccò, insieme alle altre terre della sponda occidentale del lago Maggiore, dal ducato di Milano e passò dapprima a Casa Savoia e poi alla provincia di Novara. Tra i monumenti di maggior rilievo artistico si segnala la parrocchiale di San Lorenzo, risalente alla seconda metà del Cinquecento: prezioso al suo interno è l’altare maggiore, opera barocca d’intaglio ligneo, adorno di decine di statue di pregevole fattura. Interessante è anche l’oratorio di San Pietro, in località Crealla.

Crealla è immersa nel verde ed è circondata da campi ancora coltivati e ben tenuti. Sino alla fine degli anni novanta del secolo scorso il paese era raggiungibile solamente a piedi attraverso una lunga, bella ed antica scalinata. In quegli anni venne costruita la strada di collegamento con Falmenta ed il fondovalle. Un grande rispetto per le tradizioni, altrove scomparse, mantiene viva la memoria e la identità orgogliosa dei suoi abitanti e di coloro che conservano le loro radici familiari. Decisamente interessanti sono poi la case molte della quali costruite secondo l'antica tecnica "a secco",  edifici interamente in pietra con tetti in piode che reggono tranquillamente il peso del tempo che scorre. Un borgo da visitare, scoprire e fotografare come testimomianza viva della storia della Valle Cannobina. Durante il periodo natalizio vengono allestiti diverse decine di presepi per le vie del paese richiamando molti visitatori. 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Informazioni Falmenta

 
Via Martiri , 5 - 28827 - Falmenta (VB)
Sito web: www.comune.falmenta.verbania.it
email: falmenta@postemailcertificata.it
email PEC: falmenta@postemailcertificata.it
Telefono: 0323.77106
Fax: 0323.776914


Il Territorio